Sunday, August 7, 2016

Tranqui2 va in vacanza

>>>un saluto e un ringraziamento a tutti i lettori del blog...
>>>avec amour, Daniele

Should Bauhaus be considered an Order of Architecture?


Should Bauhaus (and modern architecture) be considered an architectural order?



http://archinect.com/forum/thread/36407294/should-bauhaus-be-considered-an-order-of-architecture


from the forum :
>>>Frank your remarks are interesting and supported by what we can read in architecture's history books, but... the present is not a history book...


>>>i would overturn the question: what if the present would rather suggest us to review and widen our notion of "architectural order"? The line - Bauhaus - Mies van der Rohe - less is more - etc... has, in the course of time, codified 1 (anti-order) style that, in the end, became an architectural order itself, and the proofs are its duration, permanence, constancy.

Friday, August 5, 2016

Il boomerang di Carolyn Christov-Bakargiev & Co contro il Volksbühne staff

>>>anche Carolyn Christov Bakargiev firma lo sprezzante appello contro lo staff del berlinese teatro Volksbühne e a sostegno del neodirettore Dercon, figura a lungo alla guida dalla Tate Modern.
Sottolineo che Bakargiev per la seconda volta e pochi anni dopo la “figlia di Mario e Marisa Merz” (artisti di una corrente del secolo scorso denominata Arte Povera) a Torino gestisce un'istituzione d’arte pubblica come se fosse la galleria del suo limitato gusto personale e il mausoleo di stato dell'Arte Povera. Evidentemente è proprio tale deriva di estremo personalismo censorio di ogni altra visione, prospettiva, approccio, contesto in nome di una delega dettata dalla politica e da “modelli precostituiti” imposti su scala globale che i lavoratori del teatro tedesco temono, quindi quella perdita di autorevolezza che riduce un'istituzione pubblica alla compiaciuta autoreferanzialità di un unica figura, prassi che invece di elaborare conflitti e posizioni differenti, li omette.
Se alcune istituzioni artistiche torinesi hanno accettato di entrare in una sorta di coma pilotato da decenni, tale scelta ha costi culturali e professionali altissimi e pretendere da altri di inseguire tale deriva è semplicemente assurdo. Giusto e corretto il timore del Volksbühne staff quando in una densa e lapidaria nota osserva il rischio che the artistic processing of social conflict is displaced in favor of a globally extended consensus culture with uniform presentation and sales patterns.
I firmatari dell’appello parlano finanche di “colpo di stato”, si trincerano con toni minacciosi dietro l’investitura ricevuta da Dercon dalla politica, quindi introducono implicitamente tra il neodirettore ed i dipendenti del teatro (90 staff members e 80 freelancers) quella sfida che mira ad ottenere il silenzio di ogni alterità di pensiero attraverso l’autocensura. 
Gli stessi metodi strumentali da essi solitamente attuati con la categoria professionale degli artisti.   
Tutto ciò in nome della “Berlin’s global stature”, quasi che la “Berlin’s global stature” si alimenti di disprezzo per ogni confronto, dibattito, discussione. 

Il passaggio "at its crudest, the open letter is about power, and the abuse of the privilege conferred by public employment to defeat an individual’s vision" sposta il centro della questione che invece va individuato nella collisione di due modelli radicalmente differenti di intendere la cultura come elaborazione dei conflitti; la prima in una strategia divenuta prassi centrata sulla sua restituzione simulata ed estetizzata nell'omissione di ogni elemento non conforme a modelli prestabiliti e uniformati su scala globale; la seconda una impersonificazione catartica di posizioni antitetiche attraverso le nozioni di "personaggio", "scena", "narrazione" in un confronto radicale con la parola.

 
Ecco il testo dell'aggressiva risposta, senz'altro un effetto boomerang per gli argomenti utilizzati, i toni allarmistici completamente fuori misura in quanto rivolti anche (oltre che al potere politico) a quelli che dovrebbero essere i futuri collaboratori del neo-direttore; suona come un chiaro alibi dato a Dercon di scavalcare già l'influenza dello staff del teatro i cui timori risultano ancor più fondati e dimostra la difficoltà di intavolare una discussione con figure che ad ogni divergenza fanno pesare il proprio ruolo gerarchico.

Open Letter from Concerned Cultural Actors about Recent Discussions Surrounding the Directorship of Volksbühne in Berlin
Dear Mayor Michael Müller,
Last week we read with interest and dismay the open letter authored by 90 staff members and 80 freelancers of the Volksbühne in Berlin in opposition to the appointment of Chris Dercon as the incoming director of the theater. In normal circumstances of employment-related dispute between members of management and staff, we would have taken a more circumspect view of this letter.

However, because the main goal of the open letter was intended as a mechanism to reverse the directorial mandate vested in Mr. Dercon by the Berlin Senate, we did not want to stand aside and witness a miscarriage of justice being perpetrated. Nor did we want to sanction, without public comment, the tactic of public denunciation undertaken by Mr. Dercon’s detractors to damage his professional credibility and impugn his personal integrity.
Indeed, one can grant the authors of the open letter the fact that Mr. Dercon comes from the museum world and not the theater field. That is not in dispute. Nevertheless, for signatories of this letter to make the claim that his association with museums is liable to bring to Volksbühne “a global consensus culture with uniform presentation and sales patterns” is risible, as is the claim that there is one single truth presided over by those who signed the open letter. Given its derisive tone and the a priori judgment of a cultural programme that has not yet been realized, the substance of the open letter makes it clear that there is a different agenda at work.
A cursory reading of the complaints and the charges leveled within the letter reveals clearly that the motive is not about jobs or the defense and protection of the legacy of the Volksbühne; nor is it about art and the fearless engagement with ideas. At its crudest, the open letter is about power, and the abuse of the privilege conferred by public employment to defeat an individual’s vision. In the single-minded pursuit of an agenda of public co-optation, the signatories of the letter have bypassed all objective standards for serious debate and have descended to employing fear and censorship to oppose ideas they may not support.
The concerted public circus that surrounds the appointment of Mr. Dercon, the lack of decorum in the reception of his appointment, and, above all, the inability of his detractors to accord him even the most minimal courtesy, should be professionally embarrassing and damaging to a city of Berlin’s global stature. If the city accedes to a narrow-minded and self-interested coup d’etat, it will have succumbed to cheap innuendo and failed to defend the professional basis upon which Mr. Dercon was appointed. Berlin will also relinquish all claims to being an open city, a cosmopolitan place where professionals can accept an appointment in good faith with the freedom to think adventurously and create beyond the conventional bounds of institutional structures.
At the risk of restating the obvious, Chris Dercon brings with him to Berlin strong record of visionary leadership in the museum field over three decades. He has built and skillfully managed strong and thriving institutions, and has a global view of the importance of art and ideas in instigating change. As a highly respected figure in the field of contemporary art he has supported, nurtured, and realized the critical visions of artists; he has relentlessly demonstrated a commitment to experimentation and risk-taking; and in so doing earned the trust and admiration of peers.
In lending our support to Chris Dercon, it is our hope that common sense will prevail over alarmist sensationalism. We also wish to note that every change of leadership by definition is a vote for creative rupture. To bring excellence and vitality to culture we must constantly dare to appoint new stewards of institutions, who are charged to challenge and reimagine their place in our cultural, political, and moral reality. Given his record of accomplishment over the last three decades, we believe that Mr. Dercon is not only eminently positioned to lead the Volksbühne; he is also a bold and inspired choice. We applaud the Berlin Senate for inviting him to Berlin. Furthermore, we are convinced that Mr. Dercon will leverage his prior experience in some of the world’s most respected and renowned museums to reinforce and enhance the deserved reputation of the Volksbühne.
Okwui Enwezor
Director, Haus der Kunst, München, München

Hans Ulrich Obrist
Director, Serpentine Gallery, London

Hortensia Völckers
Executive Board / Artistic Director, Kulturstiftung des Bundes, Halle

David Chipperfield Architect
Thomas Weski Curator
Ulrich Wilmes
Chief Curator, Haus der Kunst,

Rem Koolhaas, Architect
Jacques Herzog, Architect
Bernd Scherer
Director, Haus der Kulturen der Welt, Berlin

Richard Sennett
Professor of London School of Economics

Alexander Kluge Filmmaker and Author
Manthia Diawara
Professor, New York University

Peter Saville Designer
Christine Macel
Chief Curator, Centre Pompidou, Paris

Konstantin Grcic Designer
Sabine Breitwieser
Director, Musuem der Moderne, Salzburg

Anne Teresa de Keersmaeker Choreographer
Carolyn Christov-Bakargiev Director, Castello di Rivoli, Torino
Adam Szymczyk Director, Documenta 14
Dirk Snauwaert Director, Wiels, Brussels
Matthias Mühling
Director, Lenbachhaus, Munich

Phillipe Parreno Artist
Susanne Gaensheimer Director, Museum für Moderne Kunst, Frankfurt a. Main
Friedrich Meschede
Director, Kunsthalle, Bielefeld

Kasper König
Curator, former Director Museum Ludwig, Cologne

Il boomerang di Carolyn Christov-Bakargiev & Co contro il Volksbühne staff

>>>anche Carolyn Christov Bakargiev firma lo sprezzante appello contro lo staff del berlinese teatro Volksbühne e a sostegno del neodirettore Dercon, figura a lungo alla guida dalla Tate Modern.
Sottolineo che Bakargiev per la seconda volta e pochi anni dopo la “figlia di Mario e Marisa Merz” (artisti di una corrente del secolo scorso denominata Arte Povera) a Torino gestisce un'istituzione d’arte pubblica come se fosse la galleria del suo limitato gusto personale e il mausoleo di stato dell'Arte Povera. Evidentemente è proprio tale deriva di estremo personalismo censorio di ogni altra visione, prospettiva, approccio, contesto in nome di una delega dettata dalla politica e da “modelli precostituiti” imposti su scala globale che i lavoratori del teatro tedesco temono, quindi quella perdita di autorevolezza che riduce un'istituzione pubblica alla compiaciuta autoreferanzialità di un unica figura, prassi che invece di elaborare conflitti e posizioni differenti, li omette.
Se alcune istituzioni artistiche torinesi hanno accettato di entrare in una sorta di coma pilotato da decenni, tale scelta ha costi culturali e professionali altissimi e pretendere da altri di inseguire tale deriva è semplicemente assurdo. Giusto e corretto il timore del Volksbühne staff quando in una densa e lapidaria nota osserva il rischio che the artistic processing of social conflict is displaced in favor of a globally extended consensus culture with uniform presentation and sales patterns.

 La casta della cultura gerarchizzata e globalizzata dei firmatari dell’appello parla finanche di “colpo di stato”, si trincera con toni minacciosi dietro l’investitura ricevuta da Dercon dalla politica, quindi introduce implicitamente tra il neodirettore ed i dipendenti del teatro 
(90 staff members e 80 freelancers) quella sfida che mira ad ottenere il silenzio di ogni alterità di pensiero attraverso l’autocensura. 
Gli stessi metodi strumentali da essi solitamente attuati con la categoria professionale degli artisti. 
Tutto ciò in nome della “Berlin’s global stature”, quasi che la “Berlin’s global stature” si alimenti di disprezzo per ogni confronto, dibattito, discussione. 

Il passaggio "at its crudest, the open letter is about power, and the abuse of the privilege conferred by public employment to defeat an individual’s vision" sposta il centro della questione che invece va individuato nella collisione di due modelli radicalmente differenti di intendere la cultura come elaborazione dei conflitti; la prima in una strategia divenuta prassi centrata sulla sua restituzione simulata ed estetizzata nell'omissione di ogni elemento non conforme a modelli prestabiliti e uniformati su scala globale; la seconda una impersonificazione catartica di posizioni antitetiche attraverso le nozioni di "personaggio", "scena", "narrazione" in un confronto radicale con la parola.

 
Ecco il testo dell'aggressiva risposta, senz'altro un effetto boomerang per gli argomenti utilizzati, i toni allarmistici completamente fuori misura in quanto rivolti anche (oltre che al potere politico) a quelli che dovrebbero essere i futuri collaboratori del neo-direttore; suona come un chiaro alibi dato a Dercon di scavalcare già l'influenza dello staff del teatro i cui timori risultano ancor più fondati e dimostra la difficoltà di intavolare una discussione con figure che ad ogni divergenza fanno pesare il proprio ruolo gerarchico.

Open Letter from Concerned Cultural Actors about Recent Discussions Surrounding the Directorship of Volksbühne in Berlin
Dear Mayor Michael Müller,
Last week we read with interest and dismay the open letter authored by 90 staff members and 80 freelancers of the Volksbühne in Berlin in opposition to the appointment of Chris Dercon as the incoming director of the theater. In normal circumstances of employment-related dispute between members of management and staff, we would have taken a more circumspect view of this letter.

However, because the main goal of the open letter was intended as a mechanism to reverse the directorial mandate vested in Mr. Dercon by the Berlin Senate, we did not want to stand aside and witness a miscarriage of justice being perpetrated. Nor did we want to sanction, without public comment, the tactic of public denunciation undertaken by Mr. Dercon’s detractors to damage his professional credibility and impugn his personal integrity.
Indeed, one can grant the authors of the open letter the fact that Mr. Dercon comes from the museum world and not the theater field. That is not in dispute. Nevertheless, for signatories of this letter to make the claim that his association with museums is liable to bring to Volksbühne “a global consensus culture with uniform presentation and sales patterns” is risible, as is the claim that there is one single truth presided over by those who signed the open letter. Given its derisive tone and the a priori judgment of a cultural programme that has not yet been realized, the substance of the open letter makes it clear that there is a different agenda at work.
A cursory reading of the complaints and the charges leveled within the letter reveals clearly that the motive is not about jobs or the defense and protection of the legacy of the Volksbühne; nor is it about art and the fearless engagement with ideas. At its crudest, the open letter is about power, and the abuse of the privilege conferred by public employment to defeat an individual’s vision. In the single-minded pursuit of an agenda of public co-optation, the signatories of the letter have bypassed all objective standards for serious debate and have descended to employing fear and censorship to oppose ideas they may not support.
The concerted public circus that surrounds the appointment of Mr. Dercon, the lack of decorum in the reception of his appointment, and, above all, the inability of his detractors to accord him even the most minimal courtesy, should be professionally embarrassing and damaging to a city of Berlin’s global stature. If the city accedes to a narrow-minded and self-interested coup d’etat, it will have succumbed to cheap innuendo and failed to defend the professional basis upon which Mr. Dercon was appointed. Berlin will also relinquish all claims to being an open city, a cosmopolitan place where professionals can accept an appointment in good faith with the freedom to think adventurously and create beyond the conventional bounds of institutional structures.
At the risk of restating the obvious, Chris Dercon brings with him to Berlin strong record of visionary leadership in the museum field over three decades. He has built and skillfully managed strong and thriving institutions, and has a global view of the importance of art and ideas in instigating change. As a highly respected figure in the field of contemporary art he has supported, nurtured, and realized the critical visions of artists; he has relentlessly demonstrated a commitment to experimentation and risk-taking; and in so doing earned the trust and admiration of peers.
In lending our support to Chris Dercon, it is our hope that common sense will prevail over alarmist sensationalism. We also wish to note that every change of leadership by definition is a vote for creative rupture. To bring excellence and vitality to culture we must constantly dare to appoint new stewards of institutions, who are charged to challenge and reimagine their place in our cultural, political, and moral reality. Given his record of accomplishment over the last three decades, we believe that Mr. Dercon is not only eminently positioned to lead the Volksbühne; he is also a bold and inspired choice. We applaud the Berlin Senate for inviting him to Berlin. Furthermore, we are convinced that Mr. Dercon will leverage his prior experience in some of the world’s most respected and renowned museums to reinforce and enhance the deserved reputation of the Volksbühne.
Okwui Enwezor
Director, Haus der Kunst, München, München

Hans Ulrich Obrist
Director, Serpentine Gallery, London

Hortensia Völckers
Executive Board / Artistic Director, Kulturstiftung des Bundes, Halle

David Chipperfield Architect
Thomas Weski Curator
Ulrich Wilmes
Chief Curator, Haus der Kunst,

Rem Koolhaas, Architect
Jacques Herzog, Architect
Bernd Scherer
Director, Haus der Kulturen der Welt, Berlin

Richard Sennett
Professor of London School of Economics

Alexander Kluge Filmmaker and Author
Manthia Diawara
Professor, New York University

Peter Saville Designer
Christine Macel
Chief Curator, Centre Pompidou, Paris

Konstantin Grcic Designer
Sabine Breitwieser
Director, Musuem der Moderne, Salzburg

Anne Teresa de Keersmaeker Choreographer
Carolyn Christov-Bakargiev Director, Castello di Rivoli, Torino
Adam Szymczyk Director, Documenta 14
Dirk Snauwaert Director, Wiels, Brussels
Matthias Mühling
Director, Lenbachhaus, Munich

Phillipe Parreno Artist
Susanne Gaensheimer Director, Museum für Moderne Kunst, Frankfurt a. Main
Friedrich Meschede
Director, Kunsthalle, Bielefeld

Kasper König
Curator, former Director Museum Ludwig, Cologne

Thursday, August 4, 2016

La cattiva letteratura di Riccardo Caldura

Caldura firma interventi che non sono critica d'arte e vorrei che nessuno li confondesse per tali. Siamo dinnanzi a testi ibridi che utilizzano l'arte visiva solo come pretesto, reperto inerte sul quale, più che applicare, direi proiettare astratti esercizi retorici - come nel pezzo in Exibart sul ruolo del “direttore artistico-Biennale” - sovrabbondanti di nomi altisonanti, schemi gerarchici, scenari globali, e condizionate in senso ideologico. Esercizi accademici in cui l'unica risposta possibile ad ogni ipotesi sembra sia un professorale scetticismo dubitativo e dove risulta assai difficile rintracciare riferimenti che possano introdurre alla comprensione del linguaggio visivo prima, e di una poetica d'artista poi: le opere d'arte esposte sono praticamente assenti nell'articolo, resta un mistero perché ne facciano da corredo illustrativo.
In quanto scrittura ibrida risulta incollocabile in alcuna disciplina specifica tranne che in quella bolla di cattiva letteratura di chi vorrebbe riportare la fenomenologia delle arti visive (e la radicale alterità di pensiero che rappresentano) nell'alveo dei dispositivi propri del linguaggio verbale senza passare attraverso il metodo critico, gravandola di un'enfasi tale da evocare tragicomici bollettini meteorologici “Alla Biennale di Enwezor può davvero essere affidato il compito di cogliere non solo l’orizzonte presente, ma anche le lontananze, il diradarsi delle foschie?”. Telefoneremo al Colonnello Bernacca.
I risultati? Cercate la recensione dove Caldura, dopo averci informato sulle sue (non di un artista) congetture filosofiche osservando mozziconi di sigaretta tra i masegni di Venezia, visita una mostra a Punta della Dogana senza “comprendere” nulla, a suo dire perché non c'erano chiare didascalie esplicative accanto ai titoli di opere troppo poco verbalizzate per le sue aspettative. Davvero, se le opere lo lasciano indifferente, non c'erano cicche su cui filosofeggiare alla Biennale di Enwezor?

Saturday, June 27, 2015

Giovanni Matteucci #2: i salvagenti filosofici dell'ex studente

>>>un ex studente di Giovanni Matteucci è intervenuto nella discussione già citata nel blog Tranqui2 cercando di soccorrere le bislacche teorie del filosofo docente Università di Bologna.
Gentile Inchierchia, apprezzo la sua capacità argomentativa e la correttezza di firmarsi nomen + cognomen piuttosto che nick + name  ma, mi creda, è inutile lanciare salvagenti filosofici di salvataggio ad una zattera estetica che affonda.


>>>dobbiamo metterci d'accordo sui termini che utilizziamo per definire i fenomeni presi in esame ancora prima di interpretarli. Quella che Matteucci implicitamente considera pittura non lo è assolutamente in quanto ascrivibile all'ambito delle pratiche pittoriche dell'arte contemporanea (e non solo perché il pittore non è dominatore dei materiali). Lo spostamento di argomenti attuato da Matteucci (non dai commentatori del thread) risiede nella terminologia impropria; i suoi modelli classificatori possono essere considerati validi al massimo per un'idea di pittura-pittore letteraria feuilleton o (forse, non sempre) per il manierista da cavalletto che produce opere funzionali al mercato turistico (ma un tale Giacomo Guardi produceva "quadretti" destinati a tale circuito).
Partire da tali cliché letterari attinenti all'ambito del romanzo, del teatro, del libretto operistico per arrivare poi con un salto mirabolante (come lei stesso Inchierchia fa) alle “pratiche artistiche contemporanee” costituisce, appunto, un errore di metodo. Stiamo parlando di romanzo ottocentesco, di souvenir turistici o di arte visiva? La critica d'arte arriva molto dopo tali grossolane semplificazioni. 
In "Leggere è un rischio", un critico letterario autentico come Alfonso Berardinelli correttamente afferma: "la critica non ha niente di normativo e usa le definizioni generali solo per arrivare alla descrizione del caso singolo". 
>>>in sostanza Matteucci finisce per commettere gli errori che la sua stessa teoria di "campo dell'arte" vorrebbe stigmatizzare: la sclerotizzazione dei fenomeni ed il renderli paradigmatici talvolta persino retrospettivamente, errore certamente mutuato dall'anti-metodo di tanti funzionari dei “musei contemporanei” che avvelenano l'arte italiana da decenni. Lo ripeto: Matteucci resta vittima delle manipolazioni intenzionali di costoro come lo siamo noi artisti che facciamo ricerca artistica autentica e non intrattenimento museale...

>>>per altri esempi di spostamenti di terminologia dell'arte rinvio i lettori del blog alla mia recensione del saggio "Arte contemporanea" edito dal Mulino che nella sezione "Quanto capiamo dell'arte antica?contiene sequenze multiple di spostamenti...

>>>La critica d'arte intesa quale disciplina ordinatrice arriva molto dopo la semplice individuazione dei fenomeni. Lei scrive ”non si tratta insomma di classificare o catalogare le arti”. Quali arti? L'arte pasticciera dei trionfi da tavola in cui anche un Bernini ed altri eccellevano? Per individuare i fenomeni (non per classificarli od organizzarli in una accezione di attribuzione di valore) Matteucci utilizza una terminologia mutuata dalla critica d'arte. Ma quella utilizzata da Matteucci per focalizzare “oggetti estetici” è una terminologia spostata, qui risiede il suo errore di categorizzazione. Il pittore Mario Cavaradossi, personaggio della Tosca, va collocato nell'ambito del libretto operistico e della storia del teatro non certo nell'arte visiva ma tale distinzione non rientra nella critica d'arte, la precede.


Matteucci:
“Il passaggio che sottolinei dall’estetica del cercare all’estetica del trovare – è stato elaborato seguendo
sollecitazioni che provengono direttamente dalle esperienze
contemporanee dell’arte”, “Mi sembra che esprima efficacemente una trasformazione che ha subito la concezione della creatività nel corso dell’ultimo secolo. A un’idea secondo la quale chi crea va autonomamente e liberamente in cerca di materiali di cui disporre con dominio assoluto per renderli veicolo della propria ispirazione, è subentrata tendenzialmente un’idea di creazione che tiene in massimo conto i vincoli posti.
“La dimensione performativa – in termini più compromessi, se si vuole: spettacolare e spettacolarizzata – che è sempre più accentuata nelle pratiche artistiche contemporanee (due casiemblematici: il passaggio dalla pittura alla videoarte e quello dalla scultura all’installazione) mi sembra che testimoni appunto questa metamorfosi della creatività”.


Chiarissimo qui il processo affabulatorio derivato dal metodo antistorico della critica contemporanea che costruisce delle narrazioni sulle prassi e tecniche artistiche che “diventano” altre tecniche, comparando “oggetti estetici” disomogenei. Non stiamo discutendo di teorie artistiche, di poetiche militanti o di definizioni generali vs. caso singolo né di attribuzioni di valore ecc, Matteucci, come tanti teorici, proietta sull'arte visiva i suoi schemi di verbalizzazzione. Quando Matteucci ritiene “La dimensione performativa” - “sempre più accentuata nelle pratiche artistiche contemporanee” tesse delle narrazioni su oggetti estetici disomogenei, pone Cavaradossi vicino alla Abramovic.
>>>post in progress >>> testo e correzioni in via di stesura